Blog

12
Gen

Rimpatrio della salma all’estero

Andiamo a capire come si svolge il rimpatrio della salma all’estero.

Prima del rimpatrio è necessario possedere il certificato di morte

Nel caso in cui il decesso sia avvenuto all’estero, i familiari sono tenuti a darne comunicazione immediata al Consolato Generale o all’Ambasciata Italiana al fine di ottenere il nulla osta al rimpatrio della salma all’estero. La morte di un cittadino italiano in uno stato straniero, infatti, deve essere trascritta nel nostro Paese. Per fare ciò è necessario avere il certificato di morte emesso dall’Ufficio di Stato Civile competente. Tale documento deve essere conforme all’originale e tradotto. La traduzione del certificato di decesso non occorre in tutti quegli stati nei quali vige il modulo plurilingue. Appartengono a questa categoria quasi tutti gli stati europei. Si deve inoltre possedere la documentazione atta a comprovare la cittadinanza del defunto nel caso in cui non fosse iscritto nello schedario consolare (AIRE). Parliamo di un passaporto oppure di un classico certificato di cittadinanza. Questa incombenza potrà essere evitata se la persona era regolarmente iscritta: sarà proprio il Consolato ad attestare la sua nazionalità.

Cos’è il passaporto mortuario

Il documento più importante che occorre per il rimpatrio della salma all’estero è il passaporto mortuario. Questo può essere rilasciato dall’ambasciata italiana locale oppure da un consolato generale. Occorre che a fare domanda sia il coniuge oppure un parente diretto. È bene informarsi se la nazione in cui è avvenuto il decesso aderisca o meno agli accordi di Berlino, che semplificano di molto la procedura. In ogni caso per ottenere il passaporto mortuario sono necessari i seguenti atti:

  • certificazione dell’ente competente che attesti che siano state rispettate tutte le leggi vigenti per la composizione della bara
  • dichiarazione di chiusura del feretro
  • nullaosta per la sepoltura
  • certificato di morte
  • relative marche da bollo secondo le indicazioni delle leggi vigenti

Una volta raccolti tutti questi documenti nel giro di qualche giorno si ha il permesso per il rimpatrio della salma all’estero.

Affidare il rimpatrio della salma all’estero ai professionisti del settore

Data la difficoltà, si consiglia di affidarsi ad un’impresa funebre seria, esperta e competente come L’Alba Onoranze Funebri per la gestione delle pratiche del rimpatrio della salma all’estero. Il personale agirà in maniera autonoma oppure affidandosi ad un corrispondente che operi nella città in cui è avvenuto il decesso. In tal modo potrete sollevarvi anche dalla gravosa incombenza dell’organizzazione dell’eventuale trasporto per il rimpatrio della salma all’estero. Quest’ultimo può avvenire via aerea, per mezzo di un’auto funebre oppure via mare.

22
Dic

Polizia mortuaria: di cosa si occupa?

Scopriamo di cosa si occupa la polizia mortuaria.

Cos’è la polizia mortuaria

La polizia mortuaria è il servizio comandato dalla direzione dei singoli obitori che si occupa di gestire il dislocamento delle salme e del loro luogo di stazionamento. Parliamo sia dei corpi che devono essere sottoposti all’esame autoptico che quelli pronti per la sepoltura. Inoltre la polizia mortuaria è specializzata nelle pratiche funerarie successive alla morte di una persona e nelle regole per il trasporto funebre e per l’accoglimento della salma nei cimiteri. Seppure il nome può essere fuorviante, non ha nulla a che fare con le forze di polizia. Quella mortuaria, infatti, non ha alcuna autorità di pubblica sicurezza, non è un corpo militare né una forza armata. Nonostante ciò la polizia mortuaria può essere chiamata come autorità competente in caso di disastri naturali con elevato numero di vittime per la gestione delle salme e per mansioni di protezione civile.

Quali sono le pratiche svolte dalla polizia mortuaria

Le pratiche svolte dalla polizia mortuaria sono diverse. In primo luogo questa si occupa della necroscopia, ovvero l’autopsia della salma, e del successivo trasporto cimiteriale. È anche autorizzata a redigere la denuncia della causa della morte ed individuare la presenza o meno di una malattia infettiva. Tra le pratiche della polizia mortuaria vi sono il rilascio del passaporto funebre e delle autorizzazioni al trasporto funebre, alla cremazione, alla dispersione e all’affido personale delle ceneri. Queste procedure interessano solitamente uffici comunali, enti pubblici diversi come Regioni e aziende sanitarie nonché gli operatori del settore funebre.

Il regolamento di polizia mortuaria

Non esiste un testo normativo di riferimento unico a causa dell’eterogeneità delle funzioni della polizia mortuaria e dell’estrema diversità dei servizi ad essa collegati. Tuttavia l’operato di questo corpo è per gran parte disciplinato dal cosiddetto regolamento di polizia mortuaria. Approvato il 10 settembre 1990, il DPR 285/90 elenca una serie di compiti che la polizia mortuaria svolge, nonché alcune regole che stabiliscono ad esempio il periodo di osservazione dei cadaveri ed i requisiti per il trasporto. Oltre al regolamento di polizia mortuaria, esistono anche varie regolamentazioni a livello locale. I Comuni possono infatti adottare proprie norme che specifichino quanto disposto nelle leggi statali. Non dimentichiamo nemmeno il Testo Unico delle Leggi Sanitarie che tratta della denuncia della causa di morte, degli obblighi di denuncia in caso di malattie infettive – diffusive e dei progetti di costruzione dei cimiteri, tutti temi di pertinenza della polizia mortuaria.

14
Dic

Frasi di cordoglio funebre

In questo articolo potrete frasi alcune delle frasi di cordoglio funebre più appropriate per porgere le proprie condoglianze a chi ha perso un proprio caro.

Le frasi di cordoglio sono importanti segni di vicinanza

Gli addii sono momenti struggenti ed è spesso difficile trovare le parole giuste per cercare di dare conforto ad un amico o un parente che ha appena perso una persona a lui cara. Di fronte a situazioni del genere, infatti, le frasi di cordoglio di rito appaiono superflue e non sembrano mai abbastanza. Eppure in questo momento è importante esserci e far sentire la propria presenza e vicinanza a chi ha subìto un lutto. In tal modo se quella persona avrà voglia di parlare o di sfogarsi, saprà di avere qualcuno accanto pronto a sostenerla. Tra le frasi di cordoglio da evitare sicuramente troviamo il classico “so come ti senti”, che potrebbe anzi generare una reazione aggressiva. È meglio far capire che siamo in grado di entrare in empatia con questa persona, anche se non possiamo conoscere esattamente il suo dolore.

Le frasi di cordoglio per la morte del padre e della madre

Una delle perdite più difficili da affrontare è sicuramente quella dei genitori, che rappresentano le nostre origini e la nostra famiglia. Anche in questo caso è fondamentale mostrare vicinanza ed affetto a chi è stato colpito da questo terribile lutto. Tra le frasi di cordoglio per la morte del padre e della madre più sentite vi è: “Tutte le parole del mondo non potrebbero colmare il vuoto che stai provando, ma ci teniamo a farti sapere che siamo molto vicini e ti vogliamo bene”. Molto importante è ricordare a questo nostro amico o familiare ciò che il padre e la madre hanno lasciato nel suo cuore. Aggrappandosi ai preziosi insegnamenti trasmessi, infatti, sarà meno gravoso superare questo momento.

Le frasi di cordoglio per la morte di amici

Altrettanto doloroso è perdere un amico, specialmente se ancora giovane. In questo caso le frasi di cordoglio per la morte di amici punteranno a riportare alla mente i momenti felici trascorsi insieme. Per le persone particolarmente credenti può essere utile ricordare loro come questo amico sarà sempre al loro fianco, proteggendole in qualsiasi situazione. Ecco uno tra gli esempi più appropriati di frasi di cordoglio per la morte di amici: “Ha vissuto una vita piena, conosciuto l’amore, tanti amici che gli hanno voluto bene. Lo ricorderemo per sempre e vivrà con noi le prossime avventure della nostra esistenza”.

3
Dic

Decesso in casa: cosa fare

Ecco cosa fare e come comportarsi in caso di decesso in casa di una persona cara.

Cosa fare se si verifica un decesso in casa

Cosa fare se avviene un decesso in casa? In primis bisogna chiamare il proprio medico curante che ha il compito di accertare la morte e la causa del decesso. Qualora il fatto sia avvenuto di notte o durante un giorno festivo, invece, si deve procedere a contattare la guardia medica. L’accertamento della morte da parte della guardia medica, tuttavia, non sostituisce quello del medico di famiglia, che dovrà essere chiamato in ogni caso. Egli provvederà a fornire alla famiglia tutti i documenti per i decessi, in particolare il modulo Istat. All’interno di quest’ultimo vengono riassunte le generalità della persona deceduta e le cause della morte. Se il medico ne fosse sprovvisto, sarà cura dell’impresa di pompe funebri dare ai familiari tale documento. Un consiglio su cosa fare per un decesso in casa, dunque, è di allertare il prima possibile L’Alba Onoranze Funebri per farvi supportare anche sotto l’aspetto burocratico.

Cos’è la visita necroscopica

A questo punto il medico o la ditta di pompe funebri incaricata darà notizia del fatto ad un medico legale. Egli dovrà effettuare una visita necroscopica tra la 15esima e la 30esima ora dal decesso. Lo scopo è di controllare che non ci siano pericoli per la salute dei presenti. Inoltre la visita necroscopica dovrà assicurare l’oggettivo ed indiscutibile decesso della persona, rilasciando uno specifico certificato firmato. Questo deve essere trasmesso – anche oralmente – all’Ufficiale di Stato Civile del Comune in cui si è verificato l’evento, che provvederà a redigere l’atto di morte. Tale procedura è necessaria per richiedere ed ottenere il permesso di seppellimento e completare le pratiche burocratiche per organizzare il funerale. Il certificato rilasciato durante la visita necroscopica dovrà essere inviato online anche all’INPS.

L’importanza delle imprese funebri per i documenti dei decessi

Come abbiamo già precedentemente sottolineato, è bene affidarsi ad imprese funebri serie e competenti in grado di dare suggerimenti sull’intero iter organizzativo e burocratico. Il personale si occuperà infatti di portare i documenti dei decessi presso il Comune e di ritirare l’atto di morte. Una volta effettuato questo, sarà cura dell’impresa quella di fissare la data del funerale e di darne comunicazione con l’affissione dei manifesti di lutto (se voluti dalla famiglia). Allo stesso tempo verrà contattata la struttura religiosa o laica scelta e organizzata la sepoltura, sollevando i cari della persona venuta a mancare da tutte queste annose pratiche.

 

 

30
Nov

Le caratteristiche della bara funebre

Scopriamo quali sono le caratteristiche della bara funebre e come è possibile impreziosirla con immagini e simboli sacri.

I materiali per la costruzione di una bara

Solitamente come materiali per la costruzione di una bara vengono utilizzati legni massicci di varie tipologie.  Possono essere dolci come abete, pioppo o larice (legni di conifera) oppure duri come mogano, olmo, rovere o noce (legni di latifoglia). Inoltre i familiari del caro estinto possono decidere di impreziosire le casse verniciandole sia con vernici a base di acqua o cera che con vernici sintetiche. Le bare più economiche, invece, vengono realizzate anche solo in legno grezzo. Per quel che riguarda la scelta dei materiali per la costruzione di una bara ci si può far consigliare dal personale de L’Alba Onoranze Funebri.

Le caratteristiche di una cassa funebre

Entriamo maggiormente nel dettaglio riguardo le caratteristiche di una cassa funebre. Quelle in legno resistente sono solitamente utilizzate nelle tumulazioni. Per essere idonee, al loro interno vengono provviste di una controcassa di zinco che ha un dispositivo di sfiato. La valvola presente regola l’uscita dei gas corporei che si formano durante la decomposizione prefiltrandoli e depurandoli prima della loro uscita. Inoltre tra le caratteristiche di una cassa funebre possiamo menzionare la dotazione di dispositivi per la loro movimentazione, le classiche maniglie. Non dimentichiamo il fatto che per legge il feretro necessita di una targhetta metallica con inciso il nome, il cognome e la data di morte del defunto.

Elementi per impreziosire le casse funebri

Le casse funebri possono essere decorate ed intarsiate scegliendo simboli religiosi come crocifissi, immagini sacre o angioletti da applicare alle stesse. Questi possono essere realizzati in vari materiali: legno, ottone, bronzo, metallo e così via. Inoltre le casse funebri possono essere imbottite con dei veri e propri lenzuoli, all’interno dei quali si andrà ad adagiare la salma. Le imbottiture sono disponibili in seta, a sacco di tessuto elasticizzato, in raso liscio, trapuntato o arricciato. Infine le casse funebri possono essere munite di veli trasparenti per coprire la salma.

26
Nov

Cos’è un testamento olografo?

In questo articolo troverete un approfondimento su cosa sia un testamento olografo e sulle sue modalità di scrittura.

Quali sono i requisiti del testamento olografo

La normativa sul testamento olografo è definita dall’articolo 602 del codice civile. Parliamo di un testamento scritto per intero, datato e sottoscritto di suo pugno dal testatore. Tale documento deve soddisfare tre requisiti per essere definito tale. In primo luogo deve essere scritto dalla mano del testatore, con qualsiasi mezzo e qualsiasi materiale idoneo a tener traccia della scrittura. In caso contrario, il testamento olografo è nullo. Inoltre deve essere datato, ovvero contenere l’indicazione del giorno, del mese e dell’anno in cui viene sottoscritto il documento. La data è necessaria per stabilire quale testamento olografo prevalga nel caso in cui vi siano più versioni scritte nel tempo: la più recente è quella esecutiva. Infine deve essere sottoscritto mediante una chiara firma del testatore.

Qual è il contenuto del testamento olografo

Qual è il contenuto del testamento olografo? Questo deve indicare quali quote del patrimonio, ovvero quali beni, siano destinati e a chi. Nel caso in cui il testatore non abbia rispettato le quote che la legge prevede per i cosiddetti legittimari, questi o i loro eredi possono chiedere la reintegrazione della propria quota.

Dove depositare il testamento olografo

Vediamo ora dove depositare il testamento olografo. Chi lo redige può conservarlo ovunque ritenga opportuno, senza comunicarne l’avvenuta scrittura ad alcuno. Nonostante ciò la maggior parte delle persone, per paura che possa andare smarrito o essere sottratto, preferisce depositare il testamento olografo presso un notaio. In questo caso la sua pubblicazione dovrà avvenire necessariamente a cura del notaio stesso. È solamente il testatore che può depositare il testamento olografo al notaio: nessuno è infatti titolato a chiedere il deposito di un testamento altrui. In alternativa le proprie volontà possono essere affidate ad una persona di fiducia.

24
Nov

Come vestire un defunto

Come vestire un defunto durante il giorno del funerale? Scopriamo come operano i professionisti de L’Alba Onoranze Funebri.

La vestizione della salma: un rito che si tramanda nella storia

La cura del defunto è un rito antichissimo, le prime testimonianze risalgono ai poemi omerici. Indipendentemente dal tipo di religione professata, per molte culture questa pratica era considerata di buon auspicio per accompagnare l’anima del defunto nell’aldilà. Nonostante il trascorrere del tempo, ancora oggi viene riservata grande attenzione a questo tipo di rito.

Affinché tale procedura sia eseguita a regola d’arte, la vestizione della salma non avviene subito dopo il decesso. Il personale de L’Alba Onoranze Funebri, infatti, attende che si manifesti il fenomeno post mortem (rigor mortis): in questo modo la vestizione della salma risulterà più agevole.

Come scegliere gli abiti per la composizione della salma

Vestire un defunto sarebbe un’operazione troppo straziante per i familiari del caro estinto; per tale motivo tale compito è affidato alle imprese funebri. Ovviamente, gli abiti per la composizione della salma vengono comunque scelti dai membri più stretti della famiglia, in base ai gusti del compianto. Si consiglia di prediligere indumenti e scarpe dalla vestibilità comoda e leggermente più abbondante perché il corpo tende a dilatarsi. Per consuetudine si fanno indossare alle donne e agli uomini più anziani abiti più scuri ed eleganti dal taglio sartoriale; per i più giovani, invece, è meglio rispettare lo stile personale del defunto. Inoltre, è bene evitare di far indossare al defunto ammenicoli e accessori metallici perché questi potrebbero danneggiare la fodera di protezione della bara.

29
Ott

Addobbi floreali funebri

Scopriamo quali sono gli addobbi floreali funebri più indicati a seconda delle circostanze e che tipo di fiori prediligere per rendere omaggio ad una persona che è venuta a mancare.

Diverse tipologie di addobbi floreali funebri: quali scegliere?

L’Alba Onoranze Funebri è al vostro fianco durante un momento tanto gravoso quale la perdita di un caro, per sollevarvi da alcune difficili incombenze. Ciò avviene anche per quel che concerne la scelta degli addobbi floreali funebri, spesso sottovalutata, ma non scontata. Infatti si deve prestare attenzione alla tipologia di addobbi floreali funebri più adatta, in quanto ogni fiore porta con sé un preciso messaggio. Durante l’organizzazione delle esequie, inoltre, è necessario tener conto anche di altri fattori come la specie ed il colore. Solitamente i parenti optano per il cosiddetto cuscinetto, ovvero una composizione che va a decorare il feretro. Gli amici, invece, possono regalare come addobbi floreali funebri corone di fiori alle quali viene applicato un nastro firmato dai partecipanti all’omaggio.

Vediamo quali sono i fiori per il funerale maggiormente scelti

Quali sono i fiori per il funerale più indicati? La tradizione italiana predilige come fiore il crisantemo, in quanto simboleggia il dolore ed il lutto per la perdita. Molto utilizzato è anche il ciclamino, che veicola un messaggio di consolazione e di vicinanza e per questo può essere scelto da chi vuole esprimere la propria vicinanza ai parenti del defunto. Quali sono poi gli altri fiori per il funerale più scelti? Abbiamo il bucaneve, che rappresenta l’addio e la rassegnazione. Non mancano mai nemmeno rose e calle, che sono simbolo di affetto per il caro estinto. Nel caso in cui si tratti di una persona venuta a mancare ad una giovane età, invece, è bene optare per il gladiolo o il giglio di colore bianco.

Il significato dei fiori di colore viola

In ambito cristiano il viola indica generalmente il lutto e per questo il Sacerdote veste in tal modo quando celebra un funerale. Ecco dunque spiegato il significato dei fiori di colore viola, una tonalità sempre molto usata per esprimere cordoglio. In particolare può essere una buona scelta qualora per svariati motivi non si abbia la possibilità di essere presenti all’ultimo saluto al defunto. Per comunicare la propria vicinanza a parenti ed amici, dunque, si può scegliere di inviare un mazzo di fiori misti di colore viola.

29
Ott

Corredi funebri: in cosa consistono?

L’espressione “corredi funebri” è molto diffusa, ma in cosa consiste esattamente?

Corredi funebri: un termine dalle origini antiche

I corredi funebri sono tramandati nel corso dei secoli, sin dall’antichità: l’usanza era di depositare all’interno della tomba un insieme di oggetti. Questi avevano il compito di accompagnare il defunto nel suo viaggio ultraterreno ed allontanare eventuali profanatori che avrebbero potuto disturbarne il sonno eterno. In Egitto, ad esempio, i corredi funebri erano costituti da alcuni elementi indispensabili tra cui il sarcofago, i quattro vasi canopi per le viscere estratte dal corpo, un testo di carattere religioso che aiutasse l’anima del caro estinto a raggiungere l’aldilà, nonché vari amuleti protettivi e gli ushabti, delle statuine che avrebbero svolto i lavori nei campi nell’aldilà al posto del loro proprietario.

Le maniglie ed i crocifissi funebri eleganti e raffinati di Alba

Questo rituale è stato tramandato sino ai giorni nostri, anche se fortemente modificato. Infatti è di uso comune abbellire il luogo di sepoltura dei defunti arricchendolo con maniglie e crocifissi funebri per omaggiare ed onorare il caro estinto. Presso l’agenzia funebre L’Alba di Cuneo potrete trovare corredi funebri eleganti e raffinati per accompagnare parenti ed amici nel loro ultimo viaggio. Le maniglie ed i crocifissi funebri proposti sono realizzati nei migliori materiali e possono essere personalizzati in base alle proprie esigenze. Il personale dell’impresa funebre saprà guidarvi con professionalità e discrezione in questo difficile momento ed aiutarvi nella scelta dei giusti corredi funebri.

Cos’è il manifesto funebre

Oltre a quanto detto precedentemente i corredi funebri comprendono spesso il manifesto funebre, chiamato anche epigrafe o necrologio. Si tratta di una pubblicazione in cui vengono riportati i dati della persona venuta a mancare, il luogo, il giorno e l’orario in cui avverrà la cerimonia di addio e, se lo si desidera, un piccolo pensiero in sua memoria. Il manifesto funebre viene affisso nelle strade del comune di residenza del defunto e nei luoghi che era solito frequentare.

I feretri in legno massello per il funerale

C’è una parte dell’antica usanza dei corredi funebri giunta fino ad oggi: quella di utilizzare i feretri per il funerale per accogliere il defunto, così come nell’antichità venivano impiegati i sarcofagi. Anche in questo caso L’Alba Onoranze Funebri sarà al vostro fianco, con un’ampia scelta di feretri per il funerale e di urne cinerarie. Sono tutti realizzati in legno massello di prima qualità con fregi.

19
Ott

Onoranze funebri ad Alba

L’Alba Onoranze Funebri è sempre al vostro fianco in un momento delicato quale può essere la perdita di un proprio caro.

Un punto di riferimento per le onoranze funebri ad Alba

L’Alba Onoranze Funebri di Alba, che prende il nome dall’omonima cittadina piemontese dove ha una delle due sedi, è nata negli anni ’80 dal volere di Claudio Cencio. Con il passare del tempo è diventata un punto di riferimento del settore grazie al rapporto di fiducia e di stima che si è sviluppato con tutte le persone che si sono rivolte alla famiglia Cencio. L’impresa di onoranze funebri ad Alba assicura infatti una reperibilità durante tutti i giorni della settimana, anche di notte e nei festivi. Tutte le cerimonie, nonché l’adempimento delle pratiche, sono svolte con estrema professionalità e delicatezza, nel pieno rispetto del dolore provato dai familiari del defunto.

I servizi offerti dall’impresa funebre ad Alba

Alba è un’impresa funebre ad Alba a 360° gradi, che offre diversi servizi a chi ha bisogno di un aiuto in un momento così difficile. In primo luogo lo staff fa da garante per tutte le pratiche amministrative che occorrono per organizzare un funerale ad Alba, da quelle sanitarie sino a quelle comunali e cimiteriali compresa l’affissione degli avvisi di lutto, di partecipazione e di ringraziamento. Con attenzione e cura il personale si assume il compito di vestire il defunto e di posarlo all’interno del cofano funebre. Inoltre la famiglia viene sollevata dall’incombenza dell’allestimento della camera ardente che viene predisposta, qualora ve ne fosse richiesta, in maniera elegante e raffinata. Il trasporto del feretro verso il luogo in cui è prevista la cerimonia e successivamente verso il cimitero avviene con auto di proprietà di ultima generazione. Infine l’impresa funebre di Alba si prende carico dei lavori di sepoltura della salma.

Il personale si occupa in autonomia di organizzare un funerale ad Alba

L’azienda è da sempre al fianco delle famiglie e si occupa in piena autonomia di organizzare un funerale ad Alba e nei comuni limitrofi, senza gravare ulteriormente su parenti ed amici del caro estinto. Il personale attento e qualificato è in grado di organizzare un funerale ad Alba con competenza e serietà. Con grande discrezione affianca i parenti nella scelta dei cofani funebri e delle urne cinerarie, tutti realizzati in legno massello con fregi intagliati o lineari. Sono a disposizione dei clienti anche diversi addobbi floreali, dal semplice mazzo sino alle corone di fiori, indispensabili per organizzare un funerale ad Alba.

Chiama ora!